Z

Zerro musillo/Centracanthus cirrus

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Lo zerro[1] o conosciuto comunemente come zerro musillo (Centracanthus cirrus) è un pesce di mare della famiglia dei Centracanthidae. Si tratta dell’unica specie del genere Centracanthus.

Distribuzione ed habitat

È diffuso nell’oceano Atlantico orientale a nord fino al Portogallo e nel mar Mediterraneo dove è più comune nella parte sud-occidentale e nel Tirreno[2]. Vive in banchi in acqua libera, nei pressi di fondi duri, spesso ricchi di vegetazione, da circa 20-30 metri fino a circa 200 metri di profondità. Compie ampie migrazioni durante l’anno ma le sue rotte sono del tutto ignote. Non è una specie comune, soprattutto in acque costiere.

Descrizione

Il corpo, lungo mediamente 10 cm (massima di 20 cm)[2], è molto più allungato degli altri rappresentanti della famiglia ed ha il muso straordinariamente estensibile che gli permette di catturare le sue prede. Il colore è grigio argento con riflessi rosati privo della macchia scura sui fianchi che caratterizza gli altri Centracantidi. La pinna dorsale, composta da 13 raggi molli e 9-10 raggi duri[2], ha una caratteristica intaccatura centrale ben visibile anche negli esemplari più piccoli, assolutamente diagnostica. La colorazione è marrone chiara, sul ventre sono presenti riflessi rossastri, più scuri nel dorso.[2]

Un esemplare giovanile in cui è ben visibile la caratteristica intaccatura nella pinna dorsale.

Alimentazione

Si ciba principalmente di crostacei Penaeidae.

Biologia

Riproduzione

Avviene tra agosto e settembre. I particolari, come molti altri aspetti biologici di questa specie, sono ignoti.

Comportamento

Vive in branchi.[2]

Accoppiamento

Avviene solo per pochi giorni e il maschio danza per attrarre le femmine che nuotano sopra di loro.

Pesca

Ha buoni valori nutrizionali e carni discrete.[2]

Continua……….

Zerro/Spicara smaris

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Spicara smaris (Linnaeus, 1758), conosciuto comunemente come zerro, è un pesce osseo marino della famiglia Centracanthidae.

Habitat e distribuzione

Lo zerro si trova nell’oceano Atlantico orientale, dal Portogallo alle Canarie, nel mar Mediterraneo, nel mar Nero e nel sud del mar d’Azov[1]. È comunissimo nel Mediterraneo e nei mari italiani[2].

Si trova principalmente su praterie di Posidonia oceanica ma anche su fondi sabbiosi o fangosi, di rado su roccia[3]. Di solito frequenta fondali tra 15 e 70 metri di profondità[3] ma è stato catturato a 328 metri nel mar Ionio orientale[1].

Descrizione

È simile alla mennola per l’aspetto generale anche se ha colori più smorti, scaglie più piccole e numerose e sagoma visibilmente più slanciata e affusolata[3]. La bocca, come in tutti i Centracanthidae, si può allungare a tubo. La pinna dorsale è più bassa che nella mennola, ha altezza uniforme per tutta la lunghezza. Il colore di fondo è grigio più o meno scuro sul dorso (mai azzurro come nella mennola) e argenteo sui fianchi, a metà dei quali è presente una macchia nera rettangolare come nella mennola. Le pinne sono giallastre, chiare; la pinna caudale ha talvolta riflessi rossastri. Nei maschi adulti sono presenti linee più o meno verticali di colore bluastro; nelle femmine si possono evidenziare delle fasce scure verticali, di solito poco distinte. Nella stagione riproduttiva entrambi i sessi hanno una macchia scura all’inizio della pinna dorsale[2][3][4].

Non supera i 20 cm di lunghezza[1].

Biologia

Vive in banchi, spesso numerosissimi, di esemplari tutti delle stesse dimensioni[3]. Nel periodo della frega diventa solitario[1].

Riproduzione

La deposizione delle uova avviene in inverno e primavera. Tutti gli individui più piccoli di 13 cm sono femmine, tutti quelli maggiori di 15 cm maschi[2].

Alimentazione

Si ciba prevalentemente di zooplancton[5].

Pesca

Viene catturata in abbondanza con rete da posta, nasse e lenze. Le carni sono abbastanza scadenti[4].

Continua……..

A
B
C
D
E
F
G
I
L
M
N
O
PA
Pe-Pesce C
PESCE P
PESCE R
PI
R
SA
SI
ST
T
V
Z