Ciao, come anticipato nel precedente articolo, in questo fuoriprogramma vi presenterò una bella realtà Toscana fatta principalmente di passione…I Laghi Reali. Tramite anche una piccola intervista realizzata con il proprietario del lago che, con consistenti investimenti e dedizione, regala a noi storionisti pesci straordinari e tanto divertimento.

I Laghi Reali è un lago situato in zona Caserane tra Prato e Pistoia. Ha una dimensione di circa 110×90 mt con un fondale di 3,5 mt abbastanza costante, pari e senza avvallamenti. Il proprietario Leonardo Benfari risponde ad alcune mie domande:
Da quanto tempo hai il lago Leonardo?


Il lago ce l’ho dal 2014.
È sempre stato un lago per la pesca allo storione?


No, quando l’ho preso era un carpodromo per la pesca al colpo, poi ho iniziato ad immettere storioni per passione perché questa è una pesca che mi è entrata nel sangue fin da subito e così, immissione dopo immissione, l’ho trasformato in un vero storiodromo!


Attualmente sei uno dei laghi di punta in Toscana per questa tipologia di pesca ed investi tanto ogni anno, puoi dirci qualcosa di più?


Ho fatto sempre tutto con e soprattutto per passione. Ho iniziato ad immettere nel lago solo pesci di grossa taglia con il mio primo che si chiama Attila che pesava 68 kg, oggi 115 kg ed è l’icona del lago. Oggi all’interno del lago ci sono circa 450 storioni di cui 78 con peso compreso tra i 50 ed i 115 kg.

Negli anni ho fatto tanti investimenti e grossi sacrifici ma sono riuscito a realizzare il mio sogno che era quello di creare un lago unico nel centro Italia.
Che specie hai nel lago e quali esche si possono usare?
Nel lago ho dai Beluga ai Trasmontanus poi Baeri, Kaluga, Maccari, Pinocchi e diversi ibridi. Si può pescare con quasi tutte le esche: sarda, trota, salmone, pop up, boiles, lombrichi, pellet e via dicendo ma è vietata la pasturazione con prodotti troppo oleosi che vanno a rovinare la qualità dell’acqua e del fondale, vietati anche bigattini e farinacei


Fai qualche trattamento al lago per mantenere in salute gli storioni?


Sì, ogni anno faccio 3 trattamenti per il fondale, 2 trattamenti per le alghe e 2 trattamenti antiparassitari in modo che i miei storioni godano di ottima salute.
Hai qualche regolamento particolare?


Come prima cosa usare sempre il materassino perché la salute dei miei pesci è sempre di primaria importanza, schiacciare sempre l’ardiglione all’amo, usare fili di nylon in bobina e solo nylon con un diametro minimo di 0,50 mm.

È permesso il finale in trecciato di circa 50 cm anch’esso di una misura sopra 0,50 mm. Come già detto poi è vietata la pasturazione con esche e prodotti troppo oleosi.

Le regole sono poche ma vanno rispettate per evitare di essere allontanati dal lago e per il rispetto e la salute degli storioni e degli altri pescatori.


Vuoi aggiungere qualcosa?


Sono molto felice perché I Laghi Reali è diventato in Toscana il ritrovo per gli appassionati di storioni. Vedere pescatori che arrivano dall’Emilia, dall’Umbria, dal Lazio è per me fonte di orgoglio e soddisfazione e mi ripaga della fatica e dei soldi spesi. Vorrei ringraziare tutti i pescatori che frequentano il lago perché è grazie a loro se I Laghi Reali è diventato il lago top in Toscana e direi nel centro Italia per questo tipo di pesca.


Dopo questa breve intervista con Leonardo, lo ringrazio per la disponibilità e per l’impegno costante che mette e la voglia di crescere. Ho conosciuto i laghi reali circa 4 anni fa e tutt’oggi è il lago che frequento maggiormente. I Laghi Reali, a mio parere, è il migliore a livello gestionale della Toscana, sempre in continuo sviluppo e sempre pieno ed attento alle novità.

È un lago divertente, dove le catture non mancano e non mancano le belle catture soprattutto. Leonardo è una persona alla mano ed attento alle esigenze dei pescatori. Non vi resta che andarci se non lo avete già fatto! A breve ci saranno anche delle agevolazioni per i componenti della crew Todeschini in quasi tutti i laghi e ne parleremo più avanti in un articolo dedicato. Vi aspetto nel prossimo articolo dove tratterò gli ami nel dettaglio e vi darò qualche spunto per il trecciato da terminale e sulle girelle.

Claudio Passerini

Post Views: 0